Questo sito utilizza i cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione, attraverso la raccolta delle informazioni sull'uso del sito da parte dei visitatori. Cliccando sul pulsante ACCETTO o su qualunque elemento della pagina, acconsenti al loro impiego in conformità a BANCA ADRIA Credito Cooperativo del Delta società cooperativa - Cookie Policy ACCETTO

BANCADRIA: AL COMUNALE DI SCENA L’ASSEMBLEA DEI SOCI

E’ convocata per domenica 25 novembre prossimo dal Presidente del Consiglio di Amministrazione Giovanni Vianello, presso il teatro Comunale di Adria in Piazza Cavour, l’Assemblea Generale Straordinaria ed Ordinaria dei Soci.
Un’ Assemblea che si preannuncia “storica” per i punti a cui sono chiamati i Soci a deliberare. Per la parte straordinaria i Soci sono chiamati ad approvare il Progetto di fusione per incorporazione in Bancadria della Banca dei Colli Euganei, inoltre lo statuto sociale per l’ingresso nel Gruppo Bancario Cooperativo facente capo a Cassa Centrale Banca SpA.
Tra i punti iscritti all’Assemblea Ordinaria quelli riguardanti variazioni e reintegri nel Consiglio di Amministrazione e nel Collegio Sindacale per effetto anche della fusione.
Inizio ore 9 e conclusione con il pranzo sociale

BANCADRIA: PRE ASSEMBLEE PER SPIEGARE LA FUSIONE

In attesa ed in preparazione all' Assemblea del prossimo 25 novembre il Consiglio di Amministrazione di Bancadria-Credito Cooperativo del Delta ha deciso i riunire i soci per spiegare la fusione con la Bcc dei Colli Euganei oltre alla costituzione del nuovo gruppo bancario.


Martedì 30 ottobre parte pertanto da Rovigo (presso il Censer ore 20.45) il ciclo di incontri (per l'area compresa tra Lusia-Rovigo-Badia Polesine e Bassa Padovana) che poi seguirà lunedì 5 novembre con inizio alle ore 18 presso Hotel Bussana di Tolle per i soci area di Porto Tolle e Scardovari. Martedì 6 novembre ore 20.45 incontro a Taglio di Po - Sala Europa relativa ai soci dell'area Porto Viro, Taglio di Po, Rosolina e Sottomarina.


Infine Venerdì 9 novembre gli incontri si concluderanno in Sala Caponnetto ad Adria per l'appuntamento con i soci della zona di Adria.

 

Scarica quì il calendario compòeto degli appuntamenti -->Calendario Incontri con i Soci

 

Comunicato Stampa - BANCA ADRIA COLLI EUGANEI - Credito Cooperativo

Adria (RO) e Lozzo Atestino (PD), 19 ottobre 2018

COMUNICATO STAMPA

BANCA ADRIA COLLI EUGANEI- Credito CooperativoSoc.Coop.

Dalla fusione tra BANCA ADRIA - CREDITO COOPERATIVO DEL DELTA con BANCA DEI COLLI EUGANEI nasce una banca di riferimento ancor più solida per il territorio

La decisione finale tocca ora alle assemblee dei soci

Una fusione tra due Banche di Credito Cooperativo molto radicate nei loro territori e soprattutto sane e in salute.

Con l’approvazione del progetto di aggregazione tra Banca Adria Credito Cooperativo del Delta con sede ad Adria e la Banca dei Colli Euganei di Lozzo Atestino da parte della Vigilanza, prende avvio la fase finale del piano, che porterà alle assemblee straordinarie delle due BCC per l’approvazione da parte dei soci.

“In questi giorni dopo il via libera della Vigilanza –annunciano le Presidenze delle due banche- stiamo lavorando per organizzare le due assemblee dei soci che si terranno entrambe domenica 25 novembre prossimo rispettivamente ad Adria per i soci di Banca Adria e a Lozzo Atestino per i soci della BCC Colli Euganei.

Informeremo tutta la base sociale rispetto al progetto di aggregazione, che ha avuto il via libera anche dalla capogruppo Cassa Centrale Banca -specificano i Presidenti Giovanni Vianello di Bancadria e Luciano Zanaica di Banca Colli Euganei; non solo: stiamo organizzando incontri territoriali nelle prossime settimane per approfondire temi e prospettive di questa operazione nelle zone di competenza delle due banche. Il progetto industriale, in ogni caso, è frutto di un percorso di avvicinamento graduale e ben ponderato tra le due realtà –spiegano i Presidenti- in cui abbiamo posto sotto la lente d’ingrandimento non solo dati e numeri, ma anche valori, prospettive, capacità di visione strategica del futuro. L’operazione costituisce una vera e propria opportunità per entrambe le BCC, che vale la pena ricordarlo, sono entrambe solide, vitali e godono di ottima salute.

Un progetto di strategia e sviluppo che interessa sia Banca Adria, sia la BCC dei Colli Euganei: un matrimonio tra realtà sane non può che rinsaldare ancor più la capacità delle nostre banche di servire bene il territorio”.

Dalla fusione un organismo nuovo

La nuova banca aggregata, se sarà approvato il progetto di fusione dalle Assemblee straordinarie dei soci delle due Banche, dal 1 gennaio 2019 prenderà la nuova denominazione di Banca Adria Colli Euganei - Credito cooperativo.

“In questo modo –precisano i Presidenti Vianello e Zanaica- abbiamo privilegiato la componente geografica nel nome, salvaguardando però anche quella territoriale e culturale di origine delle due BCC. I nostri soci apprezzeranno questa attenzione alle nostre radici”.

La sede legale ed amministrativa rimarrà presso l’attuale sede di Banca Adria, dove rimarranno pure in un unico contesto gli uffici di direzione, di controllo e i principali uffici di produzione. A Lozzo Atestino invece risiederanno attività di back office e alcune funzioni operative con l’intenzione di valorizzare l’attuale sede per attività sociali e di rappresentanza.

“L’Istituto -precisano i Direttori Generali Antonio Biasioli e Tiziano Manfrin- come aggregato delle due BCC conterà 125 milioni di euro di fondi propri (dati al 31.12.2017), con un eccellente indicatore di solidità CET1 del 16,8%.

Da sottolineare la capacità di servizio e di attenzione al territorio evidenziato dal rapporto tra impieghi lordi e raccolta diretta pari a circa il 75% e da finanziamenti per 955 milioni di euro alla clientela”.

 

Il mercato del territorio di riferimento

Il nuovo soggetto bancario vedrà la propria presenza operativa distribuita in 97 Comuni in un territorio compreso tra due regioni e quattro province (Padova, Rovigo, Venezia, Ferrara) attraverso una rete di 32 filiali chiamate a servire, con i propri 215 dipendenti, i circa 6.000 soci ed i clienti, con masse amministrate che ammonteranno a oltre 2,3 miliardi di euro. I territori di insediamento delle due banche sono complementari, senza sovrapposizioni e con un punto di contatto nel territorio compreso tra Monselice e Galzignano Terme, in provincia di Padova.

“L’integrabilità della rete degli sportelli e la coerenza dei territori di insediamento delle due banche –riferiscono i Presidenti- ci daranno l’opportunità di estendere, senza soluzione di continuità, la presenza territoriale della Banca quale soggetto economico-finanziario di riferimento per una zona molto estesa. Si tratta di una scelta strategica precisa -riferiscono. Mettere insieme e far dialogare territori diversi, economie diverse e risorse diverse darà modo alla banca di diversificare il proprio portafoglio clienti, di valorizzare alcune aree e di espandere la propria operatività con risorse ma soprattutto con opportunità e stimoli nuovi per il territorio”. Per quanto concerne il personale dipendente, non sono previsti esuberi.

 

Governance, Direzione Generale e Comitati locali

Il numero di componenti del Consiglio di Amministrazione della nuova Banca Adria Colli Euganei sarà di 11 amministratori: 8 nominati tra i soci elettivamente domiciliati ad Adria e 3 tra i soci elettivamente domiciliati a Lozzo Atestino. Il Presidente sarà nominato dal Consiglio di amministrazione tra i rappresentanti di Banca Adria, mentre il Vicepresidente Vicario sarà indicato tra gli eletti di BCC Colli Euganei in seno al nuovo CdA. Il Comitato Esecutivo sarà composto da 5 amministratori. All’attuale Direttore di Banca Adria Antonio Biasioli sarà affidata la prima fase di Direzione generale, che poi sarà assunta dal Direttore di BCC Colli Euganei Tiziano Manfrin.

Poiché il territorio di competenza è molto esteso, saranno istituiti o rafforzati comitati locali che avranno un ruolo di raccordo tra la Governance, la Direzione e la base sociale. Sarà attivato un comitato di gestione dell’attuale sede BCC Colli Euganei per attività sociali e culturali.

 

Obiettivi del Piano di Fusione

Obiettivo principale della fusione è la realizzazione di una struttura aziendale organica, unitaria ed efficiente, che possa svolgere la propria attività mirando a realizzare il miglior servizio ai soci e ai clienti. Le accresciute dimensioni della rete commerciale consentiranno di raggiungere economie di scala, permettendo il potenziamento dei servizi alla clientela.

“Un’unica banca solida, efficiente, ben strutturata e competitiva –sottolineano i Presidenti Vianello e Zanaica- ci darà l’opportunità di incrementare le quote di mercato, soprattutto nei confronti delle famiglie, dei piccoli operatori economici e delle piccole imprese, continuando a perseguire la frammentazione delle masse sui singoli clienti e a differenziare i settori serviti. Potenzieremo alcune funzioni, con particolare attenzione ai servizi commerciali e al supporto ai processi produttivi”.

Le due BCC si servono del medesimo sistema informatico ed entrambe hanno aderito al costituendo gruppo Cassa Centrale Banca. “Continueremo ad essere banca cooperativa, anche in logica di appartenenza al gruppo, sviluppando la nostra capacità di servire famiglie, piccole e medie imprese e in generale tutto il tessuto imprenditoriale locale, dalla pesca al manifatturiero, dai settori produttivi tradizionali e innovativi ai servizi, soprattutto turistici nella zona termale -commentano i Presidenti. In questo senso gli obiettivi che ci siamo posti sono prudenza, capacità di ascolto e di innovazione nei servizi e nei prodotti dedicati alla clientela ai soci. Saremo vicini all’associazionismo, al mondo della scuola, all’impresa e ai progetti meritevoli di attenzione per la cultura, il sociale, il volontariato”.     Comunicato in formato stampabile --> 19.10.2018 Comunicato Stampa Bancadria-Colli_Euganei

 

Dott.ssa Federica Morello

Ufficio Comunicazione e relazioni con la stampa

FEDERAZIONE VENETA BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

Per Banca Adria e per Banca dei Colli Euganei

T: 049-78.09.660; M: 339-2045975; e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Comunicato Stampa

Facendo riferimento agli articoli pubblicati in data 29.11.2017, 30.11.2017 e 01.12.2017 dal giornale “la VOCE di ROVIGO”, BANCADRIA, nel confermare la doverosa attenzione al diritto di cronaca e di espressione delle opinioni, intende esprimere la propria ferma opposizione ad ogni tentativo di screditare il corretto operato della Banca medesima e dei suoi esponenti.

Nel merito, nell’esprimere, preliminarmente, massimo rispetto e fiducia nell’operato dei Magistrati e degli Inquirenti, la Banca rappresenta ai Soci, alla Clientela ed alla cittadinanza, che le risultanze dei controlli interni non hanno evidenziato la presenza di atti o comportamenti in alcun modo censurabili, né in capo alla Banca né in capo ai suoi funzionari ed esponenti, nei confronti dei quali è confermata piena fiducia”.

 

Il Consiglio di Amministrazione

di BANCADRIA

 

 

Apple StorePlay StoreWindows Store